Sedano bianco al tartufo e grana

2012-12-27
Sedano bianco al tartufo e grana
Il sedano bianco al tartufo e grana è un piatto tipico della tradizione romagnola, servito spesso come antipasto oppure durante gli aperitivi. Semplice da preparare ma d’effetto, è particolarmente consigliato come antipasto durante le cene a base di pesce. La sua realizzazione non richiede particolari capacità culinarie, ma la qualità degli ingredienti è fondamentale per la sua riuscita.

Ingredienti

  • 500 g di sedano bianco
  • 200 g di grana a scaglie
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • un tartufo piccolo intero
  • 30 g di tartufo grattugiato
  • un litro di latte parzialmente scremato
  • 40 g di burro
  • mezzo limone
  • uno spicchio d’aglio

Preparazione

Step 1

La prima cosa da fare è lavare accuratamente il sedano e tagliarlo in listelli orizzontali dalla lunghezza di cinque centimetri circa e lo spessore di mezzo centimetro. Immergete il sedano in una coppa d’acqua e limone, lasciatelo a bagno qualche minuto e successivamente scolatelo e asciugatelo con cura.

Step 2

A parte, in un tegame versate mezzo litro di latte e il sedano e lasciare cuocere al minimo della fiamma finché la verdura non avrà assorbito tutto quanto il latte. In una coppetta a parte unire il burro al parmigiano, al tartufo grattugiato, al burro e al restante mezzo litro di latte; amalgamare bene il tutto e poi frulla telo fino ad ottenere una crema densa e omogenea con la quale coprirete il sedano. Infine impiattate e decorate a piacere con scagli di grana e tartufo.

Il tempo di preparazione di questo piatto varia dai 30 ai 40 minuti, a seconda della vostra abilità in cucina; come precedentemente detto, si tratta di un antipasto che va benissimo abbinato sia ad antipasti a base di pesce che a piatti freddi di salumi e formaggi. Per l’aperitivo, soprattutto, potete abbinare il sedano bianco al tartufo e grana a un piatto di formaggi misti tra cui spiccheranno robiola e asiago, il cui sapore si sposa molto bene con quello del grana e del tartufo. Il vino da abbinare è rigorosamente un bianco secco senza bollicine. Molto gradite anche “crudité” a volontà da intingere nella salsa avanzante.
  • Persone : 4
  • Preparazione :
  • Cottura :
  • Pronta in :